CREAZIONE DI SHOIN DA SEMI DI ACERO

 

Volevo mostrarvi alcuni scatti di un'esperienza che sto portando avanti da qualche anno. Riguarda la creazione di piccoli shoin di acero palmato partendo da semi. E molto interessante e nello stesso tempo piacevole portare avanti questi piccoli alberelli, oltre alla tecnica corretta la pazienza è la cosa fondamentale. Sono sicuro che una volta visti i risultati crescerà in voi la delusione per non aver piantato altri semi precedentemente. Ora lasciamo da parte le chiacchere e guardiamo le immagini.

 

 

Questi sono semi di acero di 3 anni. Anni addietro leggendo un articolo su Bonsai&News ho provato a mettere in pratica il sistema che i maestri giapponesi utilizzano per creare ottimi nebari e ottenere internodi corti già dal primo anno di crescita. Ora non ricordo il numero della rivista ma vi assicuro che è molto interessante e ben spiegato, praticamente già alla nascita delle prime due foglioline viene tolto dalla terra il germoglio e si applica il taglio del fittone con una lametta da barba. Un consiglio piantate diversi semi perchè dopo questo intervento non tutte le piantine vegeteranno.

 

Anno 2009 queste sono le piantine di cui voglio mostrarvi le foto, sei anni sono passati dalla semina. Ne ho piantati cinque per vaso, infatti fin dall'inizio l'idea era di creare dei piccoli boschetti shoin.

 

2010 dopo il rinvaso, un boschetto l'ho impostato in un vasetto tradizionale, con l'altro come vedrete, ho creato un piccolo paesaggio.

 

2014 altri quattro anni di paziente lavoro sono passati tra rinvasi, potature e avvolgimenti. Direi non male! Undici anni di coltivazione per arrivare a questo risultato. La strada è ancora lunga ma già si può esporre come pianta di compagnia.

 

In questo scatto si può vedere la dimensione del boschetto paragonandolo alla pinza. h 27 cm.

 

L'altro boschetto l'ho piantato dopo 4 anni di coltivazione, in un vaso simile a questo, misurano 18x12 sono sicuramente di provenienza cinese, ne ho acquistati 4 in un vivaio della provincia pagandoli un po troppo data la qualità, ma visto il risultato finale della composizione ne è valsa comunque la pena.

 

2011 rinvasata anche lei dopo 4 anni di coltivazione l'ho accompagnata ad un altra piantina di cotoneaster varietà strisciante. Come si può notare l'insieme delle pianticelle con la roccia crea un bel paesaggio.

 

2014 altri 3 anni sono passati, comincia a diventare interessante. h 23 cm. Dall'immagine sembrano tre tronchi ma in realtà è composto da quattro alberelli, uno si è perso per strada, cioè mi è seccato nelle varie lavorazioni, ma la pianta di compagnia sostituisce il quinto elemento.

 

Particolare della piantina di accompagnamento.

 

Particolare del piede e dei quattro tronchi, si vede bene quanto sono corti gli internodi già dal tronco principale, essendo shoin nella coltivazione è fondamentale curare questo particolare per non perdere le proporzioni.

Come dicevo consiglio a tutti di fare questa esperienza di coltivazione perchè può portare veramente grosse soddisfazioni senza occupare spazio e tempo. Io ne ho piantate già altre, stanno crescendo bene e ce ne sono davvero di carini, tra quattro cinque anni saranno anche loro pronti per essere fotografati e magari pubblicati.

 

Gennaio 2018. Ecco le foto promesse nel 2014. Oltre alle due composizioni precedenti, come promesso ho fotografato anche le altre piantine e lo spazio che utilizzo x la coltivazione. Bando alle ciance ecco gli scatti.

 

Il 5 tronchi che coltivo dal lontano 2003 hanno raggiunto un'altezza di 25 cm e li ho trapiantati nel 2016 in questo bel vaso ovale da 18x15 cm. Se fate caso nel 2014 erano alti 27 cm. questo perchè per mantenere una buona conicità e armonia bisogna potare e sostituire gli apici. Che tonto nella foto il quinto tronco è nascosto si intravede appena sul retro a sx.

 

Questo è il fratellino, seminati insieme ma coltivato con cotoneaster e pietra, formano così una sorta di paesaggio. h 22 cm.

 

Particolare dei rami che come si può vedere continuano a crescere con internodi corti e con un ottima conicità. Bisogna avere l'accortezza nel cimare e potare correttamente. Non male vero? Io sono molto soddisfatto!!

 

Di seguito vi mostro le altre piantine seminate, questa è la più interessante, come dicevo sopra ora è alta 19 cm. ma sicuramente dovrò abbassare un poco l'apice per migliorarne la conicità. Tempo ci vuole tempo e pazienza se si vuole ottenere buoni risultati.

 

Sono una dozzina precisa e da questo scatto si nota la diversa maturazione e grandezza tra le prime e le altre, ma si faranno, matureranno anche le altre.

 

 

Per l'estate vi consiglio un vassoio con ghiaietto sul fondo, così facendo rimane l'umidità sufficiente per una corretta coltivazione. Io in più ho dovuto mettere una rete contro i merli, se fate a caso nei due più grandi che qui non ci stanno più, ho applicato una rete alla base onde evitare disastri degli amici pennuti. Anche nei bonsai più grandi ho adottato questo sistema perchè dove vedevano un minimo di muschio c'era la catastrofe, scavi, buchi, radici scoperte, un incubo, una guerra!! Con le retine è tornata la pace.

Non mi resta che salutarvi e spero che questo articolo possa stimolarvi. Provare non costa nulla quattro semi si trovano ovunque, anche nei parchi pubblici in questo periodo si vedono sui rami spogli i semi dei nostri amici aceri. Buon lavoro. Ciao.  Flavio.

Ultimo aggiornamento (Venerdì 05 Gennaio 2018 19:16)

 

Commenti  

 
+1 #1 robbie 2015-09-07 09:43
Ho cercato nel web un po' su questo tema e devo ammettere che ci hai
azzeccato
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna